COMUNICAZIONE IN MATERIA DI FONDO SANITARIO

Cari Soci e care Socie,

Come tutti ricorderete, la vecchia Cassa Sanitaria Intesa era stata svuotata per trasferirne patrimonio e soci, dal 1° gennaio 2011, al neonato Fondo Sanitario Integrativo del Gruppo Intesa SanPaolo. Tale operazione, che avrebbe richiesto a termini di Statuto un voto assembleare, era stata invece deliberata, in evidente carenza di poteri, dal Consiglio di Amministrazione della Cassa, in una seduta del 18 ottobre 2010.

Con il patrocinio dell’ Avv. Michele Iacoviello, la delibera consiliare era stata impugnata dai quattro Consiglieri rappresentanti dei pensionati (Amici, Cobianchi, Colace e Marini); il Tribunale di Milano aveva accolto la tesi dei ricorrenti disponendo che il patrimonio che era stato trasferito al Fondo Sanitario (circa 36 milioni di Euro) ritornasse alla Cassa, dove si trova tuttora.

La sentenza è stata appellata sia dal Fondo, sia dalla Cassa e oggi, 20 ottobre 2015, ha avuto luogo la prima udienza in Corte d’Appello. Il Collegio ha ascoltato le parti e fissato una nuova udienza per il 7 marzo 2017, data in cui le parti dovranno presentare le proprie memorie.

Da tempo i nostri Consiglieri in Cassa Sanitaria, vittoriosi in giudizio di primo grado, sono disponibili, per ragioni ispirate dal più elementare buon senso, ad addivenire a una conciliazione tale da consentire, da una parte di far riaffluire le riserve al Fondo Sanitario e, dall’altra, di attenuare in qualche misura la grave penalizzazione arrecata ai pensionati con il passaggio dalla mutualità solidale della vecchia Cassa alla disciplina discriminatoria del Fondo.

Tali proposte erano state già formulate nel corso della seduta del Consiglio di Amministrazione della Cassa del 29 giugno 2015, oltreché in precedenti sedute.

L’ Avv.  Iacoviello le ha illustrate oggi alla Corte d’Appello ed alle controparti – affiancato dal sottoscritto in qualità di ricorrente - evidenziando il fatto che un ente come il Fondo Sanitario dovrebbe poter decidere autonomamente tramite i suoi organi e non solo delegare ogni scelta alle c.d. “Fondi Istitutive”.

La ragionevolezza delle nostre richieste e l’esigenza di non prolungare oltremodo (vista la data della prossima udienza, fra un anno e mezzo) il contenzioso in essere, dovrebbero comunque convincere anche le Fonti Istitutive a scendere a patti. In breve, la conciliazione potrebbe, mediante il ripianamento integrale dei disavanzi della gestione in passivo con gli avanzi di quella in attivo e l’abolizione della quota differita con saldo immediato dell’intera prestazione, dare quanto meno al socio quiescente stabilità in tema di contributi e prestazioni, in luogo dell’attuale aleatorietà degli stessi.

L'Avv. Iacoviello ha chiesto, ed ottenuto, di allegare agli atti sia la proposta scritta di conciliazione sia il verbale del Consiglio di Amministrazione della Cassa Sanitaria in data 29 giugno 2015.

Sergio Marini
Presidente Consiglio Direttivo  
Associazione "Amici Comit – Piazza Scala" 

Milano, 21 ottobre 2015