Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

EU Cookie Law (legge europea sui cookies)

Si riportano per comodità di consultazione alcuni dei principali profili richiamati:

Decreto Legislativo n.196/2003, Art. 13 – Informativa

Il D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali.

Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti dell’interessato.

Ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. n.196/2003, pertanto, forniamo le seguenti informazioni:

1. I dati da forniti dall’’utente verranno trattati al solo fine di eseguire i servizi informativi del sito

2. Il trattamento sarà effettuato con modalità informatizzata

3. Il conferimento dei dati è richiesto solo in caso di accesso alla sezione riservata al personale del dipartimento e l'eventuale rifiuto di fornire tali dati potrebbe comportare la mancata fruizione del servizio.

4. I dati non saranno comunicati ad altri soggetti, né saranno oggetto di diffusione

Decreto Legislativo n.196/2003, Art. 7 - Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:

a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L'interessato ha diritto di ottenere:

a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:

a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

--------------------------------------------------------
(Fonte: WIRED.it)
I cookie HTTP, più comunemente denominati cookie, sono righe di testo contenute in file di piccole dimensioni inviati da un server web (tipicamente, un sito web) a un client web, tipicamente un browser web impiegato per la navigazione online da postazione fissa o mobile.
A sviluppare i cookie è stato Lou Montulli, ingegnere presso Netscape Communications, nel 1994. Montulli implementò nel browser web Netscape una tecnologia denominata Persistent Client State Object, ispirandosi a un processo di identificazione tra macchine adottato in ambiente UNIX e denominato magic cookie.
La tecnologia sviluppata da Montulli è alla base dei cookie persistenti, una delle tipologie di cookie impiegati nel Web. Nello specifico, i cookie persistenti sono una delle due categorie della famiglia dei cookie tecnici, utilizzati per il corretto funzionamento di alcune operazioni e per semplificare e/o rendere più sicure le operazioni medesime.
"Senza il ricorso ai cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell'estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili", spiega il Garante per la protezione dei dati personali.
I cookie persistenti, una volta chiuso il browser web, non vengono distrutti in automatico, ma rimangono fino a una data di scadenza preimpostata. L'altra categoria di cookie tecnici è costituita dai cookie di sessione, che vengono invece distrutti in automatico ogni volta che il browser web viene chiuso.
Possono essere assimilati ai cookie tecnici anche i cookie analytics, ma soltanto se utilizzati per ottimizzare il sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come gli stessi visitano il sito, precisa l'Autorità.
Una terza famiglia di cookie è rappresentata dai cookie di profilazione, utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte etc. Attraverso i cookie di profilazione – evidenzia il Garante per la protezione dei dati personali – è possibile trasmettere al terminale dell'utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dall'utente medesimo durante la navigazione online tracciata.
Procedura per disabilitare i cookies a seconda del browser utilizzato:

Microsoft Windows Explorer

Mozilla Firefox

Google Chrome

Apple Safari

Opera browser

Gli antichi Ospedali di Milano

Sant’Antonio Abate e la Ca’ Granda

Sin dal Medioevo Milano è stata una città all’avanguardia nell’assistenza sanitaria. Uno dei primi centri di cura fu fondato, nel 1127, a seguito di legato testamentario di Ruggero del Cerro, per assistere gli ammalati del “fuoco sacro”. Si tratta di quella malattia virale all’epoca molto diffusa e oggi conosciuta con il nome scientifico di Herpes Zoster. Il complesso era affidato agli Antoniani e la malattia veniva curata con l’applicazione di unguento suino. Da qui la denominazione di “Fuoco di Sant’Antonio” e la raffigurazione iconografica del Santo insieme ad un maialino.

Del complesso rimane oggi solo la chiesa, la cui attuale conformazione risale al sedicesimo secolo, quando San Carlo, per compensare i Teatini, subentrati agli Antoniani, della loro abnegazione per la cura degli ammalati durante la peste, si adoperò per dotare l’ordine di una sede più prestigiosa. Sorta la costruzione verso la fine del ‘500 (architetto Dionigi Campazzo), per tutto il corso del ‘600 l’interno venne arricchito con le decorazioni e le opere d’arte, in gran parte recuperate dopo gli anni d’abbandono seguiti alla soppressione dei conventi in era napoleonica.

A pochissima distanza, il 12 aprile 1456 nasceva l’Ospedale Maggiore, per volontà del Duca di Milano Francesco Sforza e della moglie Bianca Maria.

Il primo nucleo a sorgere è quello di destra, guardando la facciata, sotto la direzione del Filarete. Le opere continueranno per tutto il secolo successivo e troveranno un rinnovato impegno nel 1621 in seguito al contributo del legato Carcano. L’architetto principale del periodo secentesco è Francesco Maria Richini. L’ultima parte, quella a sinistra verso Via Laghetto, fu edificata in stile neoclassico fra il 1797 e il 1804 a seguito del lascito del notaio Giuseppe Macchio. In quest’ultima sezione della costruzione è ubicato l’Archivio dell’Ospedale Maggiore, i cui reparti medici sono stati trasferiti a Niguarda nel 1939.

La facciata è lunga complessivamente 282 metri e vale al complesso l’appellativo di Ca’ Granda.

Dopo la ricostruzione post bellica a seguito degli ingenti danni causati dai bombardamenti dell’agosto 1943 (architetti Piero Portaluppi e Liliana Grassi), nel 1959 l’Università agli Studi di Milano si è installata nel complesso; all’ospedale è rimasta l’ala dell’archivio. Al centro del portico orientale, verso Via Sforza, si trova la seicentesca chiesa dell’Annunciata.

clicca qui per vedere la galleria fotografica

Amici Comit - Piazza Scala - Associazione senza scopo di lucro - Sede legale: Milano – 20123 – Via Olmetto, 5, 1° piano 

Telefono: 02.49637689; telefax 02.86993624 -  Email: amicicomit@gmail.com - amicicomit@tiscali.it - Codice fiscale: 97623890155

Pec: amicicomit@pec.it (non abilitata a ricevere mail ordinarie) - Recapito Skype: amicicomit - Facebook: Amici Comit